Articoli marcati con tag ‘UE’

Il TACD, Trans Atlantic Consumer Dialogue, è un forum tra le organizzazioni dei consumatori degli Stati Uniti e quelle dell’Unione europea che si sviluppa raccomandazioni di politica comune dei consumatori tra Stati Uniti e l’Unione europea al fine di  promuovere l’interesse dei consumatori in USA e UE

Con la Risoluzione del TACD del dicembre 2009 il TACD ha affrontato gli aspetti relativi alla realizzazione delle  linee guida OCSE E-Commerce nel the 21st Century

“E-commerce offre molti vantaggi per i consumatori, ma non dobbiamo perdere di vista l’importanza della protezione dei consumatori nel mondo virtuale emergenti di transazioni commerciali, dice il Transatlantic Consumer Dialogue (TACD).

La crescita del mobile commerce, aste online e social network avrà successo solo se la fiducia dei consumatori sarà conservata. Il TACD ha emesso raccomandazioni politiche per la protezione dei consumatori più forte nel mercato globale virtuale. Il quadro normativo esistente per salvaguardare i diritti fondamentali dei consumatori in materia di sicurezza, la scelta, l’informazione, la risoluzione delle controversie e di ricorso o sono deboli o mal adattati al mercato corrente on-line”, secondo il nuovo TACD e-commerce di risoluzione.
E-commerce ha un enorme potenziale per trasformare il modo di fare acquisti e utilizzare le informazioni ed i servizi. Eppure sempre più vediamo la prova che i consumatori ‘diritti on line sono compromessi. È per questo che è fondamentale agire subito per stroncare pratiche commerciali sleali tra imprese e acqugarantire alle procedure di acquisti on-line una protezione efficace che non è inferiore al livello di protezione concesso in commercio off-line “, ha detto Marzena Lipman, Senior Policy avvocato dei consumatori a Focus, UK .
L’Organizzazione per la cooperazione e sviluppo economico (OCSE) sta attualmente rivedendo le sue “Linee guida per la tutela dei consumatori nel contesto del commercio elettronico” (Orientamenti).
Queste linee guida sono state adottate nel 1999, quando il commercio elettronico è stato nelle sue fasi iniziali.
Durante questa revisione delle linee guida dell’OCSE il loro impatto e l’adeguatezza, la risoluzione TACD esorta gli Stati Uniti e i governi dell’Unione europea a sostenere la modifica degli orientamenti per garantire che siano conformi alle esigenze del 21 ° secolo.
“Sviluppi come il crescente utilizzo di pubblicità online comportamentali lo rendono indispensabile per garantire che il quadro di politica sono in atto per garantire i diritti dei consumatori ‘siano rispettati e tutelati“, ha detto Susan Grant, direttore della protezione dei consumatori in Consumer Federation of America e co-presidente TACD della società dell’informazione del Comitato di politica.
I consumatori online sono, in molti modi, trattati come clienti di seconda classe“, ha detto Falk Lueke, Responsabile delle Politiche per i diritti dei consumatori nel mondo digitale presso la Federazione delle organizzazioni dei consumatori tedeschi e co-presidente della Società dell’informazione TACD comitato di politica. In un mondo globalizzato, i consumatori hanno lo stesso diritto di beneficiare del vasto mondo, mercato elettronico, come le aziende e società“, ha aggiunto.

 

La crescita del mobile commerce, aste online e social network avrà successo solo se la fiducia dei consumatori è conservato. Il TACD ha emesso raccomandazioni politiche per la protezione dei consumatori più forte nel mercato globale virtuale. Il quadro normativo esistente per salvaguardare i diritti fondamentali dei consumatori in materia di sicurezza, la scelta, l’informazione, la risoluzione delle controversie e di ricorso o sono deboli o mal adattati al mercato corrente on-line“, secondo il nuovo TACD e-commerce di risoluzione.
E-commerce ha un enorme potenziale per trasformare il modo di fare acquisti e utilizzare le informazioni ed i servizi. Eppure sempre più vediamo la prova che i consumatori ‘diritti on line sono compromessi. È per questo che è fondamentale agire subito per stroncare commerciali sleali tra imprese e dare acquisti on-line una protezione efficace che non è inferiore al livello di protezione concesso in commercio off-line “, ha detto Marzena Lipman, Senior Policy avvocato dei consumatori a Focus, UK .

L’Organizzazione per la cooperazione e sviluppo economico (OCSE) sta attualmente rivedendo le sue “Linee guida per la tutela dei consumatori nel contesto del commercio elettronico” (Orientamenti). Queste linee guida sono state adottate nel 1999, quando il commercio elettronico è stato nelle sue fasi iniziali.

Durante questa revisione delle linee guida dell’OCSE il loro impatto e l’adeguatezza, la risoluzione TACD esorta gli Stati Uniti e i governi dell’Unione europea a sostenere la modifica degli orientamenti per garantire che siano conformi alle esigenze del 21 ° secolo.

Sviluppi come il crescente utilizzo di pubblicità online comportamentali lo rendono indispensabile per garantire che il quadro di politica sono in atto per garantire i diritti dei consumatori ‘siano rispettati e tutelati“, ha detto Susan Grant, direttore della protezione dei consumatori in Consumer Federation of America e co-presidente TACD della società dell’informazione del Comitato di politica.

I consumatori online sono, in molti modi, trattati come clienti di seconda classe“, ha detto Falk Lueke, Responsabile delle Politiche per i diritti dei consumatori nel mondo digitale presso la Federazione delle organizzazioni dei consumatori tedeschi e co-presidente della Società dell’informazione TACD comitato di politica. In un mondo globalizzato, i consumatori hanno lo stesso diritto di beneficiare del vasto mondo, mercato elettronico, come le aziende e società“, ha aggiunto.

(estratto da: tacd.org; traduzione a cura di ACU Toscana)