L’Associazione ACU Toscana da molti anni si occupa della prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare (bulimia e anoressia) attraverso buone pratiche di attività motorie e sportive e processi innovativi di comunicazione sociale.

Tramite l’attuazione del Progetto Palestre Sicure l’Associazione ha voluto iniziare un cammino di riflessione in merito ai modelli culturali nella nostra società con particolare riferimento all’immagine del corpo, partendo dai luoghi ove si esercita attività motoria e sportiva.

Gli studi sulla tematica e l’attività di prevenzione è proseguita con  il progetto “Sport, attività motorie, prevenzione dell’anoressia e della Bulimia”, ci siamo posti l’obiettivo di affrontare insieme ai giovani uno specifico aspetto della sicurezza, mettendo in luce problematiche complesse, che attengono in particolare agli aspetti psicologici, sociali e culturali legati all’attività motoria e sportiva e al ruolo della pubblicità di settore veicolata dai mass-media. Tale progetto ha divulgato risultati e impegni futuri in occasione del convegno svoltosi a Roma presso la Scuola dello Sport del Coni il 5 maggio 2008

La riflessione dei ragazzi e delle ragazze sul significato dello sport oggi, servirà da stimolo per rafforzare il Network costituitosi e sviluppare nel corso dei prossimi anni una progettualità condivisa. Così l’anno 2009 ha visto il consolidarsi di partnership tra Associazioni che operano nel settore sotto molteplici aspetti fino all’adesione dell’Associazione ACU Toscana alla Consulta Nazionale per i Disturbi Alimentari ,promossa dall’Associazione Briciole di Pane , che ha lo scopo di interloquire con il Ministero al fine di dare una voce unica alle tutte le problematiche concernenti i disturbi alimentari.

(ripreso dal sito bricioledipane.it)
(intoscana.it)

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento